必须释放被囚禁的主教和神父

2013/01/04 07:11
中国-梵蒂冈
河北天主教徒: 刑法改革意味着习近平必须释放被囚禁的主教和神父
by Bernardo Cervellera
自2013年1月1起, 新法律开始生效,立即提供访问律师, 马上通知其亲属,未经审讯拘留限定六个月。 未经审讯被囚禁主教和神父已达7年或以上, 应该允许他们回家,或接受探视的亲属来访。河北的一些信友保持乐观,其他教会的人士持怀疑态度。

罗马(亚洲新闻) - 河北神父和信友都热切地等待着被监禁主教和神父归来,他们已被警方拘留并失踪数年。从2013年1月1日起,教友们希望看到他们的牧人,有些被拘留者未经审讯已被囚禁15年以上,这有法律依据。
事实上,从今年开始,改革后的刑法已经逐渐成为法律,至少其意向,以"尊重和保障人权" 为目的。在新法律下,任何人不应被强迫暗示他们自己有罪,所有被拘留者必须依据合法的方式取证, 即不通过拷问获得证据。"
该法律还确保在请求访问律师后48小时内立即获得,并通知嫌疑犯的亲属有关其情形和被拘留地方。此外,嫌疑犯在被拘留期间,必须保证充足的饮食和睡眠。最后,被警方拘留者不得超过6 个月。
一位河北神父向亚洲新闻表示,在习近平时代,在这些颁布的新法律下,80岁的保定地下团体苏志民主教(照片), 被警方拘留后已经失踪15年,主教应能够返回其家园。他的家人和亲属每年在他被绑架周年之际,向警方询问主教在那里,今年他们最终的回答应不同于在过去我 们收到的答复 ("我们不知道!")。
还有一个"合法的"希望,就是易县教区地下团体师恩祥主教(左照片),现 已90岁高龄,自2001年以来未经审讯被警察逮捕。依据新法律,主教应能返回家园和富有活力的教区。
希望所有未经审讯被逮捕和判刑强迫劳工的神父:去年亚洲新闻列出的名单至少有6位。 其中,最杰出的是鹿若瑟神父,为河北保定教区地下团体副主教,自2006年2月17日,在警方手中失踪。信友们等待着他的归来。他们向告诉亚洲新闻讲 述:"如果鹿神父不被释放,依据新法律, 这是不公正的,至少警方必须说出他被关押在那里,并给予我们去探访的权利。"   
其他教会人士没有共享河北这些信友们的热情。他们解释说,不主张新的立法、司法与中共分立, 中共依然监督每项法律的实施。记得2004年宪法修正案,包含 "尊重和保障人权"的言辞,可是自那时以来没有任何改变。   

 

另见
2011/12/30 中国 - 梵蒂冈
两位具殉道精神的大陆忠贞主教,被誉为2011年「出色的无名英雄」
2012/10/18 中国- 梵蒂冈
苏志民主教被警方关押秘密地点十五年
2012/01/16 中国 – 梵蒂冈
呼吁当局春节之际释放失踪和被捕的主教、司铎
2012/01/17 中国 – 梵蒂冈
韩大辉总主教指出“释放被捕的主教和司铎也有益于中国”
2008/08/20 中国
北京实行奥运会式宗教自由


01/03/2013 14:12
CHINA - VATICAN
Hebei Catholics: Penal Code reform means Xi Jinping must free imprisoned bishops and priests
by Bernardo Cervellera
The new laws, in force since 1st January 2013, provide for immediate access to a lawyer; immediate notification for the relatives; limits detention without trial to six months. Bishops and priests imprisoned without trial for seven years or more, should be allowed return home or receive visits from their relatives. Optimism of some faithful Hebei; skepticism of other church figures.


Rome (AsiaNews) - Hebei priests and faithful are eagerly awaiting the return of their bishops and priests who have disappeared in police custody for years. From 1st January 2013, their hope of seeing their pastors, some detainees without trial for 15 years and more, it also has a legal basis.

Since the beginning of this year, in fact, the reformed penal code has passed into law which, at least in intention, aims to "respect and protect human rights." An example of this is that under the new law no one should be forced to incriminate themselves and all arrests must be based on evidence "obtained in a legal manner", i.e. not through torture.
The law also ensures immediate access to a lawyer within 48 hours of a request being made, and that the relatives of the suspect are to be informed of the circumstances and place of detention.  Moreover during the period of detention, the suspect must be guaranteed an adequate diet and sleep. Finally, the police can not detain a person without charge for more than six months.
A Hebei priest told AsiaNews that under these new laws, enacted in the era of Xi Jinping, Msgr. James Su Zhimin, the underground bishop of Baoding (ds in the photo), 80, who disappeared in police custody 15 years ago, should be able to return home. His family every year, on the anniversary of his kidnapping, ask the police where their relative is being held, as of this year they will finally have an answer different from the one received in the past ("We do not know!") .

There is also "legal" hope for Msgr. Cosma Shi Enxiang, 90 years old, underground bishop of Yixian (left in photo). Arrested by police and detained without trial since 2001, according to the new laws he should be able to return to his family and its dynamic diocese.
Hope for all the priests arrested and sentenced to forced labor without trial: last year AsiaNews listed at least six. Among these, the most prominent personality is certainly Fr. Joseph Lu clergyman, vicar general of the underground diocese of Baoding (Hebei), missing in the hands of the police since February 17, 2006. His faithful await his return. They have told AsiaNews : "If he is not released, this would be unfair, under the new law, they must at least say where he is secluded and grant us the right to go and visit him."

Other church figures do not share the enthusiasm of these faithful in Hebei. They point out that the new legislation does not assert the independence of the judiciary from the Communist Party, which still oversees the application of each law. And they recall that in 2004 there was the amendment to the constitution to include the phrase "respect for and protection of human rights." But since then nothing has changed.



YouTube

YouTube Spotlight

958121 iscritti
153805265 visualizzazioni video
 
  • lorenzoAllah Mahdì Palestina
    lorenzoAllah Mahdì Palestina ha pubblicato un commento
    1 secondo fa
    01/03/2013 14:12 CHINA - VATICAN [East acquires human rights, lol. the West loses them] Hebei Catholics: Penal Code reform means Xi Jinping must free imprisoned bishops and priests. by Bernardo Cervellera. The new laws, in force since 1st January 2013, provide for immediate access to a lawyer; immediate notification for the relatives; limits detention without trial to six months. Bishops and priests imprisoned without trial for seven years or more, should be allowed return home or receive visits from their relatives. Optimism of some faithful Hebei; skepticism of other church figures. Rome (AsiaNews) - Hebei priests and faithful are eagerly awaiting the return of their bishops and priests who have disappeared in police custody for years. From 1st January 2013, their hope of seeing their pastors, some detainees without trial for 15 years and more, it also has a legal basis.
  • lorenzoAllah Mahdì Palestina
    lorenzoAllah Mahdì Palestina ha pubblicato un commento
    7 secondi fa
    CHINA - VATICAN [East acquires human rights, lol. the West loses them] Since the beginning of this year, in fact, the reformed penal code has passed into law which, at least in intention, aims to "respect and protect human rights." An example of this is that under the new law no one should be forced to incriminate themselves and all arrests must be based on evidence "obtained in a legal manner", i.e. not through torture. The law also ensures immediate access to a lawyer within 48 hours of a request being made, and that the relatives of the suspect are to be informed of the circumstances and place of detention. Moreover during the period of detention, the suspect must be guaranteed an adequate diet and sleep. Finally, the police can not detain a person without charge for more than six months.
  • lorenzoAllah Mahdì Palestina
    lorenzoAllah Mahdì Palestina ha pubblicato un commento
    28 secondi fa
    CHINA - VATICAN [East acquires human rights, lol. the West loses them] A Hebei priest told AsiaNews that under these new laws, enacted in the era of Xi Jinping, Msgr. James Su Zhimin, the underground bishop of Baoding (ds in the photo), 80, who disappeared in police custody 15 years ago, should be able to return home. His family every year, on the anniversary of his kidnapping, ask the police where their relative is being held, as of this year they will finally have an answer different from the one received in the past ("We do not know!") . There is also "legal" hope for Msgr. Cosma Shi Enxiang, 90 years old, underground bishop of Yixian (left in photo). Arrested by police and detained without trial since 2001, according to the new laws he should be able to return to his family and its dynamic diocese. Hope for all the priests arrested and sentenced to forced labor without trial: last year AsiaNews listed at least six.
  • lorenzoAllah Mahdì Palestina
    lorenzoAllah Mahdì Palestina ha pubblicato un commento
    41 secondi fa
    CHINA - VATICAN [East acquires human rights, lol. the West loses them] Among these, the most prominent personality is certainly Fr. Joseph Lu clergyman, vicar general of the underground diocese of Baoding (Hebei), missing in the hands of the police since February 17, 2006. His faithful await his return. They have told AsiaNews : "If he is not released, this would be unfair, under the new law, they must at least say where he is secluded and grant us the right to go and visit him." Other church figures do not share the enthusiasm of these faithful in Hebei. They point out that the new legislation does not assert the independence of the judiciary from the Communist Party, which still oversees the application of each law. And they recall that in 2004 there was the amendment to the constitution to include the phrase "respect for and protection of human rights." But since then nothing has changed.
  • lorenzoAllah Mahdì Palestina
    lorenzoAllah Mahdì Palestina ha pubblicato un commento
    53 secondi fa
    FED ECB 666 IMF 322, freemasonry, sharia horror Communists, and c .. and all the murderers, and accomplices of innocent Christian martyrs --- when, I said ie, unius REI, when, I call? my subjects: are to come, too: now! Now, I'll show you, to all of you, hell, That you have deserved, That Is where you need to go soon! hallelujah hallelujah, in Jesus's name]. And this Shall be the plague with Which the LORD will smite all the people That have fought against Jerusalem: Their flesh will be consumed while standing, Shall melt Their Eyes In Their sockets, Their language: is the rot: In Their mouth. And in THAT DAY you will be among them a great tumult from the LORD, every one of them will grab the hand of his neighbor, and his hand shall rise up against the hand of the other. Zechariah 14:12-13. -- this is for my enemies , by unius REI



03/01/2013 13:10
CINA - VATICANO
Cattolici dell'Hebei: Con la riforma del codice penale, Xi Jinping deve liberare i vescovi e i sacerdoti arrestati
di Bernardo Cervellera
Le nuove leggi, in vigore dal 1mo gennaio 2013, garantiscono un avvocato da subito; l'informazione per i parenti dei sospettati; il divieto a incarcerare per più di sei mesi senza alcuna accusa. Vescovi e sacerdoti, imprigionati senza processo da 7 anni e più, dovrebbero tornare a casa, o poter ricevere la visita dei loro parenti. Ottimismo di alcuni fedeli dell'Hebei; scetticismo di altre personalità ecclesiali.


Roma (AsiaNews) - Sacerdoti e fedeli dell'Hebei aspettano con ansia il ritorno dei loro vescovi e sacerdoti scomparsi da anni nelle mani della polizia. Dal 1mo gennaio 2013, la loro speranza di rivedere i loro pastori, alcuni detenuti senza alcun processo da 15 anni e più, ha anche basi legali.
Dall'inizio di quest'anno, infatti, è stata varata una riforma del codice penale che, almeno nelle intenzioni, vuole "rispettare e proteggere i diritti umani". Per questo, ad esempio, le nuove leggi affermano che nessuno dovrebbe essere costretto ad autoaccusarsi e che l'arresto dovrebbe avvenire basandosi su prove "ottenute in modo legale", ossia non attraverso tortura.
La legge garantisce anche che il sospettato deve poter avere da subito rapporto con un avvocato entro 48 ore dalla sua richiesta; che ai parenti del sospettato si deve comunicare il caso e il luogo di detenzione; che nel periodo di detenzione devono essere garantiti una dieta adeguata e il tempo di sonno dovuto. Infine, che la polizia non può incarcerare una persona senza alcuna accusa per non più di sei mesi.
Un sacerdote dell'Hebei ha detto ad AsiaNews che con queste nuove regole, varate nell'era di Xi Jinping, mons. Giacomo Su Zhimin, vescovo sotterraneo di Baoding (a ds nella foto), 80 anni, scomparso nelle mani della polizia da 15 anni, dovrebbe poter tornare a casa. I suoi familiari che ogni anno, nell'anniversario del suo sequestro, domandano alla polizia il luogo in cui è detenuto il loro parente, da quest'anno potranno finalmente avere una risposta diversa da quella ricevuta in passato ("Non lo sappiamo!").
C'è speranza "legale" anche per mons. Cosma Shi Enxiang, 90 anni, vescovo sotterraneo di Yixian (a sin. nella foto). Sequestrato dalla polizia e detenuto senza processo dal 2001, in base alle nuove leggi dovrebbe poter tornare alla sua famiglia e alla sua dinamica diocesi.
Speranze anche per tutti i sacerdoti arrestati e condannati senza processo a lavori forzati: lo scorso anno AsiaNews ne ha elencati almeno sei. Fra questi, la personalità più di spicco è certo p. Giuseppe Lu Genjun, vicario generale della diocesi sotterranea di Baoding (Hebei), scomparso dal 17 febbraio 2006 nelle mani della polizia. I suoi fedeli aspettano il suo ritorno. Ad AsiaNews dicono: "Se anche non verrà liberato, e questo sarebbe ingiusto, secondo la nuova legge ci devono dire almeno dove è recluso e garantirci il diritto di andare a visitarlo".
Altre personalità ecclesiali non condividono l'entusiasmo di questi fedeli dell'Hebei. Essi fanno notare che nelle nuove leggi non si afferma l'indipendenza del potere giudiziario dal Partito comunista, che rimane così il gestore di ogni regola. E ricordano che nel 2004 vi è stato l'emendamento della costituzione, per includere la frase sul "rispetto e la protezione dei diritti umani". Ma da allora nulla è cambiato.

alternativa-politica

Giulietto Chiesa sulla mafia e berlusconi difeso dal "libero" franco bechis

884C25884C25· 405 video
1925
10634
Mi piace 81     Non mi piace 2
Caricato in data 30/nov/2009
sulle patetiche dichiarazioni di berlusconi e sui presunti contatti con la mafia ecco giulietto chiesa, il quale senza mezzi termini boccia il governo del "padrone" e sui suoi misfatti. un paese dominato dall'illegalità istituzionale ed una mafia legalizzata da leggi mostruose come lo scudo fiscale. complice, secondo chiesa anche il PD. il partito democratico è corresponsabile di questa disfatta. questa l'opinione senz'altro condivisibile di giulietto chiesa.

estratto da: omnibus la7 30 novembre 2009

Commenti principali

  • verolibero
    Bravo Giulietto,uno dei pochi rimasti che ha il coraggio di dire la verità,per il lecchino di turno invece solo parole di profondo disgusto!!!
    · 19
  • Valerio Blanc
    cristo santo
    alleluja !
    bravo Chiesa !
    che schifo di paese l'italia
    difendere sempre ciecamente l'indifendibile
    · 14

Tutti i commenti (69)

lorenzoAllah Mahdì Palestina
  • Te079
    quello che ha detto qui è saltato fuori 2 anni dopo, incredibile
    · in risposta a verolibero (Mostra il commento)
  • Te079
    e come ha detto in quei tempi non sospetti, il banco è saltato,
    ·
  • Te079
    qual'è il nome della merda che c'è al centro del tavolo che a 90° difende andreotti e berluscane?
    ·
  • lucynbloom
    Ha anticipato tutto il nostro Giulietto....miticoooo!
    ·
  • sirio stella
    ma chiesa crede veramente alle cazzate che racconta
    ·
  • Eduard Norton
    Il BerlusCANE e' solamente lo stereotipo dell italiano medio.
    ·
  • angelo balzano
    Chi ha pagato quelli che contestano Chiesa e negano che Andreotti e Berlusconi siano mafiosi ?
    Come fanno a negare così spudoratamente un evidenza così schiacciante?
    ·
  • Ataru6
    Direi Buchis invece di Bechis per come si mette a 90° di fronte al padrone Berlusoni eh? Che schifo di giornalismo fazioso...Grande Giulietto, e se ci fate caso in tuti i suoi interventi, come lo ascoltano tutti!!! Ovuqnue! Grandissimo!
    ·
  • djoscuro84
    Chiesa nel 2009 ha raffigurato con due anni abbondanti di anticipo quello che è successo davvero!!! Mentre quei caproni al guinzaglio dei padroni li davano del complottista, pessimista ecc...E' successo per filo e per segno quello che aveva prospettato ma come è un mago allora?? NO E' UN IDOLO!!!
    ·
  • 1969liberty
    Giulietto Chiesa for President !
    ·

Per governare il cambiamento

CHI SIAMO

Cos’è Alternativa

Alternativa è il movimento politico e culturale fondato da Giulietto Chiesa a Roma il 17 aprile 2010. Il nostro punto di partenza è rappresentato dalla convinzione che il modello economico e sociale attualmente dominante nel mondo, basato sull’idea di una illimitata espansione di produzione e consumi, è ormai diventato una megamacchina distruttrice della natura, della società, dello stesso equilibrio psichico individuale, ed è destinato al collasso in tempi relativamente rapidi, cioè nel corso di questa e delle prossime due generazioni umane.
La causa di fondo di questa svolta è l’esaurimento delle risorse, l’apparizione simultanea dei limiti allo sviluppo in molte direzioni essenziali, il superamento delle soglie oltre le quali il pianeta e i suoi complessi ecosistemi sono in grado di rigenerarsi. La transizione ad un diverso modello di produzione e consumo è inevitabile, ma sta a noi far sì che essa si traduca nel passaggio ad una società più umana e solidale e non in una drammatica e sanguinosa crisi di civiltà, esito inevitabile se la lasciamo nelle mani di coloro che ci governano..
L’unico modo per evitare una transizione catastrofica e per guidarla verso un esito che permetta di ridurre grandi sofferenze è cominciare una vasta e multilaterale opera culturale, organizzativa, trasformatrice delle attuali forme di produzione e di consumo. In particolare il criterio principale per una tale riorganizzazione sarà quello della decrescita della produzione di beni e servizi materiali e di un progressivo aumento di beni esterni alla sfera del mercato.
Il dogma della crescita è ormai il cancro che ferisce a morte la natura e l’uomo; che erode il livello di vita della maggior parte delle popolazioni; che attacca selvaggiamente tutti i beni comuni per assoggettarli allo sfruttamento privato.
Alternativa ritiene che, proseguendo sulla strada di uno sviluppo dissennato come l’attuale, si finirà in guerra. Il tendenziale esaurimento delle risorse, la compromissione degli equilibri climatici produrrà una crescente competizione per il controllo dei flussi delle risorse. Una politica di pace e di convivenza tra le civiltà non può essere perseguita finché non si darà vita e sostanza a una nuova architettura istituzionale internazionale basata sul rispetto dei diritti fondamentali di tutti all’esistenza, a parità di condizioni. In altri termini si eviterà la guerra solo in condizioni di solidarietà internazionale, di condivisione dei problemi, di redistribuzione equa delle risorse esistenti.
Non potrà esservi pace a lungo se non si muterà l’attuale profonda ingiustizia nella fruizione delle risorse. Il mercato, in queste specifiche condizioni, produrrà in modo sempre più convulso, una serie di guerre sempre più distruttive.
Una pacifica convivenza su questo pianeta passa attraverso il rispetto delle sovranità nazionali, delle differenze culturali, psicologiche, storiche dei popoli, attraverso una democrazia internazionale che è interamente da creare.
Tutti i processi in atto indicano che stiamo assistendo alla fine dell’Impero americano e all’inizio di un mondo multipolare in cui l’Occidente nel suo complesso perderà inesorabilmente il suo ruolo centrale e dominante.
Il pericolo che incombe è rappresentato dal dato di fatto che il declino degli Stati Uniti avviene mentre essi sono dotati di una superiorità militare assoluta. E dal fatto, coesistente, che le opinioni pubbliche dell’Occidente non si rendono conto, nella loro stragrande maggioranza, che non sarà possibile per esse conservare a lungo i loro livelli attuali di forsennata espansione dei consumi. In queste condizioni non vi sarà nessuna leadership in grado di dire la verità. Da qui la tentazione di usare la forza per procurarsi i beni comuni e per allontanare nel tempo il momento della verità. Questa è una parabola suicidaria alla quale occorre opporsi con tutte le forze mobilitabili.
Nonostante alcune differenziazioni verbali, destra e sinistra non mostrano in realtà grandi differenze sui temi dello sviluppo e su quelli della pace e della guerra. Questo è legato al fatto che destra e sinistra sono entrambe interne al dogma dello sviluppo.
Alternativa non è un movimento di sinistra (anche se i suoi aderenti provengono in larga parte, per ora, da quelle radici ), né di destra, ma intende elaborare una proposta politica e culturale che salvi i valori fondamentali che hanno animato i movimenti di emancipazione delle classi subalterne, collocandoli in un contesto in cui essenziale diventa la solidarietà umana nella ricerca di una civile convivenza dei popoli. Con queste idee ci rivolgiamo a tutti coloro che hanno preso coscienza dell’incipiente crisi della nostra civiltà, qualsiasi sia la loro provenienza culturale e politica, coscienti che tutte le tradizioni culturali serie del Novecento contengono spunti di un pensiero critico nei confronti dell’attuale capitalismo distruttivo, e che tutte devono essere criticate e superate per elaborare un pensiero e una politica all’altezza dei problemi attuali.
Alternativa ritiene che i valori fondanti della Costituzione Italiana costituiscano i pilastri di questa costruzione umana, pacifica, solidale.
Alternativa nasce dalla coscienza che il nostro paese sta vivendo una crisi gravissima, che colpisce tutti gli aspetti della nostra vita e che sta mettendo in forse la tenuta della società e la stessa esistenza dello Stato unitario. La casta politica (di destra, centro e sinistra) che si divide il potere non vuole e non può fare nulla contro i gravi problemi che ci fronteggiano, ma pensa solo alla conservazione dei propri privilegi, e alle lotte per la spartizione del bottino. Deve essere combattuta in modo intransigente, in tutte le sue componenti.
In questa lotta lo strumento fondamentale non può che essere la partecipazione democratica dei cittadini, che devono essere direttamente coinvolti nelle scelte politiche delle amministrazioni pubbliche. Ad ogni livello e su ogni problema. Lo strumento fondamentale per questa lotta deve essere la difesa dei territori, nella sua accezione più vasta. Territori sono la terra, la città, la cultura, la scuola, l’educazione, l’energia, l’acqua. In una parola le condizioni di vita. Ogni attentato a queste condizioni è un attentato alla democrazia dell’oggi e del domani e alla convivenza pacifica.
I partiti sono necessari per il confronto politico democratico, ma quelli che occupano l’attuale desolante panorama politico italiano sono degenerati in casta autoreferenziale. Occorre attuare la Costituzione definendo per legge un controllo democratico sulla vita interna dei partiti, garantendo che ogni decisione, anche interna ad essi, sia soggetta a regole democratiche precise: dall’elezione dei gruppi dirigenti, alla definizione dei candidati, al controllo sulle fonti di finanziamento, alla gestione trasparente delle risorse economiche.
Alternativa ritiene che, per preparare e accompagnare la transizione che ci attende, sia indispensabile abbattere la Grande Fabbrica dei Sogni e della Menzogna che ha trasformato milioni di individui in consumatori compulsivi. La Società dello Spettacolo nella quale viviamo non ci permette di vedere né il presente né il futuro.
Per questo è indispensabile affrontare prioritariamente la costruzione di un diverso sistema di comunicazione e informazione che sia democratico e racconti il reale. Senza questi strumento non sarà possibile raggiungere in tempo utile, cioè prima del sopravvenire della crisi generale, le menti e i cuori di miliardi di persone.
Sono infatti i gruppi ristretti e dominanti che controllano i flussi del mainstream e formano la coscienza su scala globale. E’ evidente che ogni proposta di superamento dell’attuale organizzazione economica e sociale si scontrerà contro questo potere.
Oggi i media sono un campo di battaglia politica di fondamentale importanza. Chi voglia lottare contro la transizione mortifera che i ceti dominanti stanno confusamente preparando deve sapere che “se non si è trasmessi non si esiste”.
Alternativa è un soggetto politico nuovo. Che non è alternativo a nessuno dei movimenti, gruppi, individui che hanno compreso la necessità di un profondo cambiamento, fuori e contro le logiche del mercato. Sappiamo anzi che questo cambiamento potrà nascere dalla confluenza di una miriade di esperienze rinnovatrici già esistenti e in sviluppo. Non pretendiamo dunque di riassumerle. Non abbiamo una visione autarchica. Non pensiamo a una setta isolata. Ci vorrà una nuova, grandissima unità popolare. Ci mettiamo al servizio di questa unità, che ancora non c’è e dovrà essere creata
Per crearla c’è urgente bisogno di un nuovo corpo di idee fondamentali: quelle che ci serviranno per passare attraverso un livello superiore di complessità, rappresentato appunto dalla transizione inevitabile.
C’è bisogno di un mondo diverso. C’è bisogno di Alternativa.